Comune di Pachino

Storia del Comune

Dal 1583 al 1714 nascono in Sicilia un centinaio di nuove terre feudali soprattutto nella parte occidentale ed in quella centrale dell'isola; dal 1748 al 1798, i censimenti permettono di identificare dai 20 ai 30 nuovi centri

Dal 1583 al 1714 nascono in Sicilia un centinaio di nuove terre feudali soprattutto nella parte occidentale ed in quella centrale dell'isola; dal 1748 al 1798, i censimenti permettono di identificare dai 20 ai 30 nuovi centri. La struttura urbana siciliana, caratterizzata da una forte consistenza dell'area demaniale rispetto a quella feudale, in età moderna varia sotto l'intensificarsi del fenomeno della colonizzazione feudale.

 

Il territorio della città di Noto nel corso del Seicento non è coinvolto dal processo di colonizzazione feudale, infatti, se escludiamo la fondazione di Canicattini Bagni , nel 1680, il fenomeno è assente nel territorio di Noto, ma è attivo nei primi decenni del Settecento e dilaga nella seconda metà del secolo. Esso si deve connettere con lo scontro politico‑amministrativo della prima metà del '600 e con il sistema originato dal processo di ricostruzione posteriore al sisma del 1693.

 

A Noto, nel XVII secolo, si era registrato lo scontro  tra il clan Impellizzeri ed il clan Landolina‑Deodato‑Sortino, che si era concluso con posizioni di equilibrio che esulavano da forme di frammentazione politica dai tratti autonomistici e tali da portare alla spartizione degl’interessi e del potere in modo non conflittuale e da garantire e mantenere, nel corso del '600, l'integrità territoriale ed amministrativa all'interno dell'università di Noto.

Infatti, nessuna famiglia dell'oligarchia netina nel corso del '600 era riuscita ad avviare un processo di colonizza­zione nei propri feudi.

       Tale situazione rimane invariata fino al 1693, ma nel decen­nio successivo al sisma, Noto, impegnata nel processo di ricostruzione, non riesce a bloccare il secolare piano di colonizzazione dei Platamone sul feudo Imposa, che nel 1712 porterà alla nascita della Terra di Rosolini.

       Negli anni cinquanta del Settecento il fenomeno della colonizzazione feudale

si diffonde nel territorio netino non solo nella fascia costiera nei feudi di Scibini, Bimisca,   Maucini e Bugio,  ma  anche  nella  parte  interna  nei  feudi  di Cammaratini e Carcicera.

La richiesta e la concessione dello ius populandi evidenziano una mutata gestione del potere. Infatti, negli anni cinquanta del Settecento la politica di equilibrio e di chiusura che durante il '600 ha preservato il territorio di Noto dalla frammentazione autonomistica viene abbandonata; si avvia così il processo di smembramento del territorio netino sia sotto l'azione di élítes esterne alla nobiltà netina sia sotto l'azione di alcune nobili famiglie netine.

Il fenomeno della richiesta e della concessione dello ius populandi nella se­conda metà dei Settecento, se assumiamo la prospettiva della distribuzione del potere e dei dominio tra la nobiltà netina, apre la possibilità ad una rilettura della storia sociale e politica di questa comunità: le famiglie Landolina‑Deodato-Trigona monopolizzano tutte le richieste di íus populandi. Pertanto, la colonizzazione feudale nel territorio netino, nel secondo Settecento, si deve far rientrare nella logica di divisione e controllo del potere che trova nella forma dell'autonomismo territoriale lo strumento giuridico principale.

Le concessioni dello ius populandi determinano il cambiamento della geo­grafia dell'agro netino, in quanto portano alla fine del diciottesimo secolo e nei primi decenni del diciannovesimo secolo, nella fascia costiera tra le tonnare di Marzamerni e Capo Passero e dei porti di Portopalo e della Marza, alla fondazione di due nuove Terre feudali: Pachino e Portopalo .

Il presente intervento vuole chiarire alcuni momenti ed alcune incognite della fondazione della Terra di Pachino. Cercherò, pertanto, di tracciare la storia della fondazione di questa Terra dal 1756 al 1770, grazie alle fonti di carattere civile ‑le lettere dei giurati di Noto, i libri rosso e giallo e l'archivio della famiglia Starrabba, marchesi di Rudini. Grazie al considerevole apporto di questo materiale documentario è stato possibile uscire dal vago e dal generico, distinguendo la tradizione popolare e le credenze da affidare alla narrativa, dai dati documentati e documentabili, seguendo anno dopo anno i problemi della nuova Terra e pervenendo ad una lettura abbastanza organica ed omogenea di quel quindicennio cruciale che porta alla fondazione di Pachino.

Il principe di Giardinelli, don Gaetano Starrabba e Calafato  il 24 aprile 1756 inoltra  una carta al viceré sollecitando la concessione di fare una popolazione nella sua baronia di Scibini . Il viceré Fogliani, a seguito della consulta del Tribunale del Real Patrimonio, accorda la grazia l'8 maggio 1756 e dà comunicazione al principe, con il dispaccio del 26 maggio dello stesso anno.

 La nuova Terra, chiamata Pachino, sorgerà nel feudo di Scibini a due miglia di distanza dalla costa, sarà popolata da greci cattolici che giungeranno nel feudo dall'Albania o da altra parte della Grecia o dall' illirico  a spese del feudatario. I coloni godranno, per un periodo di 25 anni, della franchigia delle tante e donativi ordinari e straordinari, ma, trascorso questo periodo, saranno soggetti a tutte le tasse come gli altri cittadini del regno. L'Università di Noto continuerà a percepire la gabella del macino in quella quantità e qualità che al presente la percepisce.

Qualche anno più tardi, con una lettera dell'aprile 1758, il principe torna a chiedere di poter fare una popolazione per assicurare la coltivazione del feudo Scibini, allora quasi incolto anche se parzialmente abitato dai coloni. Il 26 agosto 1758, il re concede al Principe di Giardinelli per la seconda volta lo ius populandi sul feudo. Il dispaccio del 1758 lascia invariate le clausole relative alla distanza dalla costa, alla nazionalità dei nuovi coloni, ma precisa che le nuove popolazioni, tanto gli albanesi, quanto i greci saranno sottoposti al mero e misto imperio con restar illesa alla città di Noto la giurisdizione del mero e misto impero ( .... ) di maniera che al presente la gode e di poterla sempre esercitare tanto nel civile che nel criminale sopra l'altre persone che non siano Albanesi o Greci o suoi discendenti. Le gabelle continueranno ad essere versate all'Università di Noto, ma, nel caso in cui si registrerà un aumento dovuto alla nuova popolazione, il Tribunale del Real Patrimonio intese le parti della città di Noto ( ... ) e del principe di Giardinelli esaminerà il contraddittorio suddetto e deciderà conformale sentenza se il futuro eventuale aumento di tali gabelle derivate di talune nuove popolazioni appartenga o no alla giustizia di detta città di Noto .

I giurati di Noto spediscono, nell'agosto 1759, una lettera al vicerè in cui dichiarano l'illegittimità di tale concessione, data dal vicerè senza il previo esame delle ragioni di questa università e si oppongono alla costruzione di Pachino per non venir pregiudicata la sua potenza, per non arguire la spopolazione di detta università e per la minorazione delle gabelle in sommo pregiudizio della reale azienda.

 

Il 1° dicembre 1760 il Principe di Giardinelli riceve l'esecutoria del Real Diploma con la facoltà di popolare di Greci Cattolici il feudo di Scibini, in seguito alla quale versa al regio erario la somma di 1.000 ducati.

 

 

Nella fase di progettazione della Terra, per evitare il conflitto e per puntare invece su una larga convergenza nella classe dirigente netina, gli Starrabba potevano contare a Noto sull'intesa politica, sull'appoggio e sulla collaborazione dei Trigona e dei Di Lorenzo. Noto si oppone al piano di costruzione della Terra e cerca di difendere le proprie prerogative giuridiche e fiscali con l'esito di ritardare l'iter di autonomia territoriale di Pachino. L'opposizione dell'Università di Noto è motivata dalla sottrazione di popolazione che indeboliva la base impositiva su cui si reggeva il sistema del prelievo urbano, inducendo di conseguenza ad un tendenziale declino del gettito delle gabelle. L'opposizione alla costruzione di Pachino coinvolge anche la chiesa locale. Il parroco di San Nícolò di Noto  invia una lettera al Tribunale del Real Patrimonio in cui dichiara che l'attentato del principe di Giardinelli è lesivo tanto alla cura delle anime, alla giurisdizione mia soggetta e ai reali interessi ed al patrimonio di questa città, non meno che al buon regolato governo delle città tutte di questo regno.

 

Nel dispaccio del 1756, confermato dal dispaccio del 1758 e rivendicato dall'esecutoria del 1760, il sovrano ha disposto che la nuova Terra fosse popolata con gente non soggetta al dominio del Nostro Regnante  ma di religione cattolica. Ma, nel 1761, il Principe vede arrivare nel feudo di Scibini molte famiglie albanesi e maltesì ed inoltra formale richiesta al Tribunale del Real Patrimonio allorché siano considerati come gente che costituisce habita­tione  . La richiesta dei principe è accolta e tutti i coloni giunti e che giungeranno nel feudo di Scibini ‑ i greci, gli albanesì ed i maltesi ‑ godono di tutte le esenzioni che il sovrano ha accordato al momento della concessione dello ius populandi. Nonostante tutto, Noto continua il piano di ostruzionismo nei confronti dei principe e della Terra di Pachino, contestando la giurisdizione del mero e misto impero.

La giurisdizione dei mero e misto imperio nel dispaccio del 1756 veniva concessa sopra l'albanesi e greci che verranno a popolare ( ... ) e sopra i Sici­liani che colà verranno ad abitare  e con il dispaccio del 1758 era stata concessa al principe in modo stretto e circoscritto sugli albanesi e sui greci, ma nella cedola dei 1760 tale giurisdizione era estesa non solo alle persone che venissero in quella nuova popolazione, ma a tutta qualsivoglia sorta di gente che si trovasse nella Terra. Lo scontro diventa inevitabile. Il principe considera un suo diritto esercitare la giurisdizione su tutta l'agente e tutte le terre del feudo; d'altra parte l'università di Noto rivendica tale diritto da sempre riconosciuto e chiede il ripristino di quanto era stato stabilito nel dispaccio del 1758. La controversia è rimessa al Tribunale del Real Patrimonio che, con la consulta dei 25 marzo 1762 precisa che discorse e disputate tanto le pretese del Principe e le ragioni dell'università di Noto si informa a sentenziarsi da parte del Tribunale del Real Patrimonio in che la Real cedola del 1760, toccante la concessione del mero e misto doveva sentirsi ristretta e relegata a tenore del Real Dispaccio del 1758 e per il successivo ampliamento della concessione del mero e misto debba venir intesa la città di Noto, che può essere interessata alla nuova concessione . La vicenda non si chiude: a distanza di alcuni anni, nel gennaio del 1767, il principe di Giardinelli invia altri memoriali al tribunale in cui chiede l'ampliamento della giurisdizione dei mero e misto imperio, secondo quanto veniva garantito dalla cedola del 1760 e non secondo il Dispaccio del 1758. Nel giugno 1767 il Tribunale del Real Patrimonio comunica al principe di mantenere, difendere e conservare l'oratore nella pacifica possessione in cui attualmente si trova detto mero e misto sopra tutte e qualsivoglia persone. Da quel momento, l'università di Noto perde il controllo giuridico sulla Terra di Pachino e sull'intero feudo di Scibini.

Nel giugno 1767 il principe di Giardinelli è accusato dal marchese di Spaccaforno  Francesco Maria Statella quod initium detta populationisfuit a detto III. Principis facta cum siculis personis et successive populatio est am­pliata cum gentibus collectis . A queste accuse si aggiungono quelle dei nobili netini che, nel novembre 1767, in una lettera al Tribunale del Real Patrimonio, definiscono Pachino un asilo di ladri, fuoriusciti, riposto e comodo agli infiniti contrabbandi. In forza di queste accuse il Tribunale del Real Patrimonio ordina un'ispezione e manda a Pachino il Delegato, nella persona di don Giuseppe Ruffino, collaborato da don Alfio Marzano.

 

L'ispezione del funzionario del Tribunale del Real Patrimonio è eseguita il 16 maggio 1768 ed ha il compito di controllare il numero degli abitanti, la loro città di provenienza, da quanto tempo dimoravano nella nuova Terra e se la loro famiglia era composta da persone regnicole, di greci cattolici, o di gente prove­niente dall'Albania. Il Delegato rimette, in data 2 giugno 1768, al Tribunale dei Real Patrimonio il plano delle famiglie forestiere e Siciliane oggi esistenti in Pachino colla distinzione del luogo da dove ritraggono la loro origine e da qual tempo incominciarono ad abitare la nuova Terra di Pachino. La relazione del Delegato salva giuridicamente la legittimità della Terra fondata ed abitata da 47 fuochi esteri, giunti nella terra in momenti diversi: la Terra di Pachino è Compita.

Nel giugno 1768, Pachino ha così ottenuto e difeso l'autonomia territoriale e giurisdizionale sull'intera popolazione residente, ma si trova in una situazione assai contraddittoria: giuridicamente è indipendente da Noto e fiscalmente è sog­getta ai controlli da parte della medesima università. Lo ìus populandi sul feudo Scibini nel 1756 è stato accordato a condizione di non dover detta nuova popo­lazione recar pregiudizio alcuno alla città di Noto e, quindi, l'Università di No­to deve continuare a percepire le gabelle come fissato dal Dispaccio del 1759 e confermato dal Dispaccio del 4 ottobre 1771.

Noto, dopo la relazione del Delegato, prende atto dell'esistenza giuridica della nuova Terra, e cerca come può di limitare, i privilegi ed i benefici di tipo fi­scale di cui poteva beneficiare il principe di Giardinelli, proprietario della terra di Pachino.

Da questo momento in poi Pachino avrà una storia autonoma ed indipendente dall'antica città demaniale e riuscirà a mantenere tale autonomia anche dopo la soppressione della feudalità.

 

 


CENNI BREVI

CENNI BREVI

Il Promontorio di Pachino si è formato nel periodo del Cretaceo, circa 80.000.000 di anni fa, come è stato accertato e datato scientificamente dai geologi con il metodo del carotaggio.

1) Pachino attraverso i tempi

Sicuramente il "Promontorium Pachyni" fu abitato sin dai primi momenti in cui l'HOMO SAPIENS fece la sua comparsa sulla terra, ma dato il gran lasso di tempo sono rimasti solamente pochi indizi.

Quello che certo è che l'uomo è apparso e vissuto sul nostro territorio circa 10.000 anni fa durante la cultura del Paleolitico Superiore (36.000/8.500 A. C.), abitando la grotta Corruggi e lasciando moltissimi reperti archeologici, che si trovano conservati in gran parte presso il Museo di Siracusa, quali raschiatoi, coltelli, lance, punteruoli, aghi, ecc., ma anche in altri Musei in tutto il mondo. In questo periodo l'Homo Sapiens usa armi solamente in pietra, vive in caverne o grotte naturali e vie solamente di caccia e pesca.

Nel periodo del Mesolitico (10.000/8.000 A.C.) l'Homo Sapiens incomincia ad usare ad usare attrezzi anche in ferro, continua a vivere nelle grotte (Grotta del Fico), ma si dà alla pastorizia ed all' agricoltura. Usa la macina per i cereali.

Dalla grotta Corruggi e del Fico, durante il periodo neolitico (8.000/1500 A.C.), l'uomo passò all'inizio a vivere nelle grotte di Calafarina e successivamente,.nel periodo del ferro e rame prima e del bronzo poi, fini all'arrivo dei Siculi, l'uomo si spostò nella vicina zona denominata " Cugni di Calafarina" creando villaggi e necropoli, un dolmen per i defunti ed un forno sotterraneo per la lavorazione dei metalli, i cui resti, portati alla luce da Paolo Orsi, sono tuttora ben visibili e discretamente conservati.
In questo periodo l'uomo ha appreso il culto dei morti usando un dolmen per la loro sepoltura e quindi utilizzando delle tombe a forno di cui ne sono state portate alla luce fino adesso circa una trentina.
E' in questo periodo che l'Homo Sapiens ha abbandonato la pietra ed ha incominciato a lavorare ed usare in successione il ferro, il rame ed il bronzo. Ha imparato a costruire capanne, ad accendere il fuoco per cucinare i cibi e ad usare i forni per sciogliere i minerali.

Come già detto, nel periodo dal 1.500 al 500 A.C., sul nostro territorio ma anche di tutta la Sicilia Orientale, sono vissuti i Siculi, un popolo proveniente dall'Italia Centrale ed esattamente dalla provincia dell'attuale Frosinone secondo le ultime scoperte effettuate da scienziati antropologi. Essi apportarono ulteriore progresso e civiltà sviluppando ancor più il culto dei morti e la lavorazione della terra.
Con l'arrivo dei Greci, questi dopo avere fondato delle colonie lungo le coste (Naxos, Siracusa, ecc.) incominciarono a spingerli sempre più verso l'interno togliendo loro le terre migliori.
Nel IV secolo A.C. il comandante Ducezio di Noto chiamò a raccolta i Siculi contro gli invasori ma fu battuto nel territorio dell'attuale città di Sortino, la qual cosa provocò la fine di un popolo e della loro civiltà.

Successivamente il territorio di Pachino fu abitato da Fenici, Punici, Greci (750 A,C.) e Romani (dal 200 al 400 D.C.) che ne fecero un centro di attività commerciali prima e di colonizzazione poi. Con loro inizia la storia e la civiltà moderna. Si sviluppò ampiamente l'agricoltura ed in particolar modo la coltivazione della vite e del frumento che veniva esportato in Grecia prima e successivamente a Siracusa e Roma.
Nel periodo ellenistico, in particolare furono edificati templi (uno è certo fu dedicato ad Apollo Libystino, come ci ha lasciato scritto Macrobio, mentre di un tempietto agreste votivo se ne vedono ancora le basi in contrada Cugni) e furono tracciate le rotaie della via Elorina (che sono tuttora ben visibili quelle sulla roccia sempre in contrada Cugni, zona che per l'alta concentrazione di resti antichi può a ragione essere definita parco archeologico) e fattorie (vedi Maucini e relativo acquedotto inziato dai greci e terminato dagli Arabi, che lo storico Filippo Garofalo nel suo libro "Pachino e i suoi dintorni" pubblicato nel 1877 lo definisce "ammirevole".
Fu in questo periodo che il Promontorio di Pachino ebbe questo nome e di conseguenza la Pachino recente. Infatti, secondo lo storico A. Holm il nome Pachino deriverebbe dal fenicio PACHUM che significa "Guardia" (tra due mari l'Ionio ed il Mediterraneo); secondo il Fazello dal greco PAXUS che significa "Grosso" (riferito all'aria) o "Fertile" (riferito al suolo); secondo mons. Sultano dal greco PAXUS OINOS che significa "Terra abbondante di vino", mentre secondo lo storico Ciancio deriverebbe dal latino e significherebbe "Abbondante di tonni".
Infine secondo il Figura dal greco PAXEIA NESOS e cioè "Isola dalla larga circonferenza" riferita all'isola di Capo Passero per distinguerla dalle vicine ma molto più piccole isole del territorio quali Vendicari, l'isola piccola di Marzamemi e l'isola grande del porto di Pachino e delle Correnti, quando gli antichi navigatori del Mediterraneo mettevano piede sul territorio per i relativi rifornimenti.

Dopo i Romani, che sempre in contrada Cugni hanno lasciato i resti di un villaggio del 3° - 4° secolo d.c., sul territorio di Pachino arrivarono prima i Bizantini (dal 300 all'800 D.C.) (vedi basilichetta di San Lorenzo) e quindi gli Arabi (dall'800 al 1090 D.C.), che cambiarono il nome della punta del Promontorio di Pachino da Caput Pachini a Capo Passero ed i Normanni.
Gli Arabi non solo diedero il nome a Marzamemi (da Marsa al amen = Rada delle tortore) e vi installarono la tonnara, che è stata funzionante fino agli anni '50, ma arricchirono l'agricoltura con la coltivazione degli agrumi, bonificarono le campagne, completarono il mirabile acquedotto presso la Torre Xibini, di cui abbiamo parlato prima, costruirono le saline e i pozzi Senia per l'irrigazione dei campi, tuttora ben funzionanti di cui uno alle porte di Marzamemi, detto "u puzzu re quattru ucchi, è stato utilizzato nei secoli, anche a livello industriale, da popoli diversi corsari compresi.

Con i Normanni, Spagnoli e Francesi arrivò, invece, la decadenza e la suddivisione del territorio in feudi. A questo periodo risalgono le fortificazioni di Torre Xibini e Torre Fano contro le invasioni piratesche dei Turchi e da questi ridotte in rovine.

2) Resti antichi dei vari insediamenti nella Zona Cugni

·  Grotta Corruggi (periodo paleolitico)

·  Grotta del Fico (Periodo mesolitico - mesolitico)

·  Grotta Calafarina (Periodo neolitico)

·  Necropoli (tombe a forno), dolmen e forno (Periodo neolitico)

·  Basamenti di capanne (Periodo neolitico)

·  Vallate simili ad UADI

·  Tempio greco (basamento per le colonne) - III secolo D.C.

·  Fosse per la raccolta delle acque piovane (Periodo paleolitico)

·  Villaggio Romano - III o IV secolo D.C.

3) Pachino attuale

La storia dell'attuale Pachino ha inizio quando nel 1734 gli Starrabba di Piazza Armerina, proprietari dei feudi Scibini e Bimmisca e come tali aventi il titolo di baroni oltre a quello di principi di Giardinelli, decisero di risiedere sul territorio per meglio curare i loro interessi ed al fine di acquisire pure il titolo di conte. A tal fine i fratelli Gaetano e Vincenzo Starrabba chiesero a Carlo III di Borbone prima (1758) ed a Ferdinando I (1760) poi l'autorizzazione a fondare una città, decreto che fu emesso a Napoli in data 21/7/1760 e che fu reso esecutivo in data 1/12/1760.

Pur essendo una città relativamente giovane, essa ha dimostrato per merito dei suoi fattivi abitanti, in origine provenienti in gran parte dalla vicina Malta e successivamente dai Comuni viciniori come Modica, Scicli, Rosolini, Ispica e per quanto riguarda Marzamemi da Avola, Augusta e Siracusa, di avere saputo raggiungere in breve tempo livelli economici e culturali di rilievo. Infatti, attualmente in agricoltura, in maggior parte in serre ma anche a pieno campo, il ciliegino denominato "Pachino" (protetto dal marchio IGP), il pomodoro costoluto ed il melone cantalupo ( di due tipi : retinato e liscio) dominano i mercati mondiali del settore oltre che per il gusto dolcissimo anche per le elevatissime proprietà organolettiche in essi contenuti.
Da qualche tempo è rifiorita e prende sempre più vigore la coltivazione della vite ( la viticultura di Pachino si basa sulla coltivazione del Nero d'Avola che costituisce il vitigno principale per la produzione del DOC Eloro, nella sottodenominazione Pachino) e dell'olivo., mentre è in piena espansione la coltivazione dei primaticci in serre e dell'ortofrutta destinata alla ristorazione.
Visitando Marzamemi si possono inoltre assaggiare alcune specialità tipiche della zona ed in particolare i prodotti ittici conservati quali bottarga, filetti di acciughe, salsicce di tonno, sardine sotto sale e così via.

4) Aspetti fisici

Posto a 65 metri sul livello del mare, nella parte Sud Orientale della Provincia di Siracusa, a cavallo del Mare Mediterraneo e dell'Ionio, ha un clima dolcissimo dall'Autunno alla Primavera, un cielo sempre terso nel corso dell'intero anno ( una indagine della U.E. del 2001 l'ha definito la città più assolata e con meno nuvole e con il cielo più limpido e terso dell'intera Comunità Europea) ed un clima caldo in Estate che accoppiato alle favolose spiagge del suo territorio (8 Km) quali Morghella, Concerie, Granelli, Ciappa, Scarpitta, Punto Rio. ecc., e ad un mare limpidissimo e pescoso, fanno di Pachino un centro turistico molto apprezzato con un flusso di forestieri e turisti che va di anno in anno sempre aumentando.

Altra località molto frequentata sia dai locali che dai forestieri è la borgata di Marzamemi sia anch'essa per le spiagge sabbiose che per il pesce fresco pescato da una flotta peschereccia tuttora molto consistente. Marzamemi fu edificata dagli Arabi, di cui rimangono ben conservate le "Casuzze arabe" e relativo cortile costruiti oltre 1000 anni fa mentre l'attuale Marzamemi risale ufficialmente al 1752 quando furono edificati dal Principe di Villadorata il Palazzo, la Loggia, la nuova Tonnara e la Cappella, opere queste che meritano di essere visitate.
Gli appassionati del mare qui possono soddisfare i loro hobby, per quasi tutto l'anno, sia con la pesca subacquea di pesci pregiate quali l'orata, il sarago, la cernia, la spigola, l'aragosta, la seppia ed il polpo oppure a bolantino, con le reti o con il conzo, sia facendo surf o vela perché i venti sono sempre favorevoli spirando quasi costantemente da levante o da ponente.

5) Personaggi

Molti personaggi che hanno contribuito all'unità d'Italia o a dare lustro alla città sono nati e vissuti a Pachino. L'avvocato Diego Arancio, carbonaro prima e mazziniano dopo, fece insorgere Pachino contro i Borboni nel 1837, riparando poi in esilio a Malta per essere stato condannato a morte. La città partecipò pure ai moti del 1848 mandando come deputato a Palermo il dott. Raffaele Garrano dando alla patria un altro uomo di grandi ideali Antonino Adamo. Dopo l'indipendenza Diego Arangio fu Viceintendente alla Provincia di Noto (dal 1860 al 1862).

Altri personaggi illustri degni di essere citati sono il dott. Francesco Garrano, il marchese Antonio Starrabba (due volte capo di Governo e Sindaco della città di Palermo in età giovanissima). Michelangelo Bartolo ( insigne matematico e Provveditore agli Studi), Vitaliano Brancati (scrittore e drammaturgo di fama mondiale), Enzo Lauretta ( scrittore e saggista), ecc.

Tra i personaggi che invece sono approdati sul territorio di Pachino bisogna citare Ulisse, Enea, i Ciclopi, San Paolo, Santo Elia, Santo Ilarione, Santo Ambrogio, mentre la storia antica vi ha allocato Cerere (o Demetra), Proserpina, Eolo, Bacco.

6) Storici

Molti gli storici ed i poeti che hanno scritto o cantato di Pachino quali:

  • Cicerone nel Libro V delle Verrine,
  • Ovidio nel libro V delle Metamorfosi e nel Libro dei Fasti,
  • Virgilio nel libro III dell'Eneide,
  • Polibio nel I Libro delle Storie,
  • Livio nel Libro XXIV di Ab Urbe condita,
  • Plinio il vecchio nelle Sorie,
  • Plutarco nella Vita di Dione,
  • Strabone nel Libro VI della Geografia,
  • Caio Plinio Secondo nel libro III della Naturalis Historia,
  • Pausania nel Libro V della Periegesi della Grecia,
  • Nonno nei libri II e XIII della Dionisiaca,
  • Claudiano nel libro I di De Raptu Proserpinae,
  • Macrobio nel Libro I delle Saturnaliorum Convivia,
  • Dante nel Paradiso (Canto VIII) della Divina Commedia,,
  • Fazello nella Storia di Sicilia.


7) Fauna e flora

Sul territorio di Pachino sono vissuti o hanno fatto la loro apparizione sin dai primordi i seguenti animali:

  • Asino o cavallo di Cranto
  • Ippopotamo, rinoceronte
  • Leone, iena, ghiro gigante, bisonte, bue primigenio, ecc.
  • Equus hidruntinus o cavallo di Otranto ( un equino zebrato antenato della zebra)
  • Elephas Mnaidriensis Adams e l'Elephas Falconeri Busk (un elefante nano alto solamente 90 centimetri al garrese) nel periodo del Pleistocene.

mentre attualmente il territorio è abitato da una grande varietà di animali ed uccelli stanziali e migratori , specialmente quest'ultimi in prossimità delle zone umide che si trovano sul territorio e di grande valore per le ricerche naturalistiche, quali la Garzetta, l'Airone Bianco maggiore, l'Airone Cenerino, il Germano Reale, la Marzaiola, la Folaga, il Mestolone, la Gallinella, il Cavaliere d'Italia, Fenicotteri, Falchi, talvolta anche Cigni, Passeri, Cardellini, Cappellacce, Gheppi, Conigli, Ricci, Volpi, Donnole ecc.

La Flora esistente sul territorio specialmente in prossimità delle coste è molto varia ed è del tipo termofila, cioè di quella tipica delle zone che hanno un clima molto caldo e d arido. Appartengono a questo genere la Palma nana (scupazzu), il Timo (sataredda), il Mirto e così via.



L'Aeroporto più vicino è quello di Catania (100 km). Se si viaggia in treno bisogna scendere alla stazione ferroviaria di SR (50 km) ed avvalersi del servizio pullman. Se si viaggia con mezzi propri, giunti a Siracusa si deve percorrere la statale fino a Noto e poi la provinciale per Pachino. Il borgo di Marzamemi offre la possibilità di numerosi approdi, attrezzati per imbarcazioni da diporto.